Cos’è l’OSTEOPATIA?

L'Osteopatia si basa sul principio che l'essere umano è un’unità di corpo, mente e spirito e ha la capacità di autoregolarsi, di auto-guarire e di mantenere il proprio stato di salute. Struttura e funzioni corporee sono reciprocamente correlate, per tale motivo il trattamento osteopatico è basato sulla comprensione dei principi fondamentali di unità del corpo, autoregolazione e interrelazione tra struttura e funzione.

E’ una medicina non convenzionale e non invasiva di sostegno alla salute che non si avvale dell’utilizzo di farmaci, rimedi naturali e strumenti elettromedicali, bensì di un approccio esclusivamente manuale sui tessuti, tramite il quale è in grado di innescare i processi di autoguarigione di cui è naturalmente dotato l'organismo.

Si occupa principalmente dei problemi strutturali e meccanici di tipo muscolo-scheletrico a cui, però, possono associarsi delle alterazioni funzionali degli organi viscerali e del sistema cranio-sacrale.

Il trattamento osteopatico può ridurre il dolore, migliorare l’abilità della persona nello svolgimento delle attività abituali e incrementare lo stato di salute. E’ indicata in condizioni quali: lombalgia, cervicalgia, dolori vertebrali, problemi posturali derivanti da scorrette posizioni lavorative o dalla gravidanza, traumi da sport, cefalea ed emicrania, otiti, vertigini, sinusiti, stipsi, asma e altre problematiche ancora.

Possono beneficiare del trattamento osteopatico adulti, neonati, bambini, giovani e anziani, donne in gravidanza ovvero persone di qualsiasi età e impegnate in ogni tipo di professione.

E’ complementare ad altre professioni sanitarie, come la fisioterapia e la medicina convenzionale.

Osteopatia e Pediatria

L’osteopatia è particolarmente utile per i più piccoli poiché, utilizzando tecniche manipolative delicate non invasive né dolorose, riesce a risolvere alcune problematiche diffuse tra i bambini.

Il trattamento osteopatico permette di individuare celermente e prontamente le cause dei disturbi di cui soffrono ad esempio bambini nati in seguito a travagli e parti difficili e da cesareo, evitando la cronicizzazione di tali disturbi e migliorando, dunque, il loro naturale sviluppo di crescita.

Osteopatia e Gastroenterologia

L’osteopatia è una medicina complementare capace di intervenire anche nella gestione di alcuni disturbi funzionali del sistema digerente come gastrite, reflusso gastroesofageo, sindrome del colon irritabile, stipsi e/o diarrea cronica. Il trattamento osteopatico migliora il drenaggio linfatico riducendo infiammazione e dolore, in più contribuisce a regolarizzare il transito intestinale.

Osteopatia e disturbi della masticazione

Click articolari, bruxismo e altri dolori connessi alla masticazione sono spesso il risultato di una alterata meccanica del complesso cranio-cervico-mandibolare: l’osteopata è in grado di intervenire ripristinandone il corretto funzionamento.

Osteopatia e sport

L’osteopata da diversi anni è una figura imprescindibile nello staff medico di uno sportivo o di una società sportiva. Questo perché l’osteopatia è prima di tutto una medicina di prevenzione che migliora l’elasticità dei tessuti articolari e muscolari rendendoli più resistenti ai microtraumi connessi all’attività sportiva. In più, numerosi studi, hanno dimostrato che il trattamento osteopatico migliora i tempi di recupero post infortunio rendendo possibile un rapido ritorno all’attività.

Osteopatia e vertigini

La maggior parte delle vertigini viene in realtà descritta dai pazienti come “sensazione di essere su una barca” o “sensazione di essere un po’ troppo brillo”. Queste sensazioni sono dovute a una contrattura della muscolatura suboccipitale (ovvero quei muscoli che si trovano subito al di sotto della nuca). L’instabilità propriocettiva, così viene chiamata in gergo medico, può essere curata con l’osteopatia.

Osteopatia e respirazione

L’osteopatia migliorando l’attività del muscolo diaframma e l’elasticità della gabbia toracica è in grado di dare sollievo e contribuire al miglioramento della qualità di vita di pazienti affetti da asma bronchiali o broncopneumopatia cronico-ostruttiva (BPCO). In più, tramite tecniche specifiche, agisce sul drenaggio delle fosse e dei seni paranasali aiutando tutti qui pazienti che soffrono di rinosinusiti croniche. Inoltre, molto spesso uno scorretto posizionamento della lingua, può portare il paziente a respirare con la bocca anziché con il naso predisponendolo a infiammazioni ricorrenti delle vie aeree e ad apnee notturne/russamento. Anche in questo caso l’osteopatia aiuta al coretto ripristino della deglutizione fisiologica.

L’osteopatia permette di riequilibrare le tensioni superficiali e profonde, ripristinando il normale funzionamento dell’organismo del bambino, grazie a manipolazioni leggere e delicate che avvengono solo e soltanto dopo una corretta e profonda anamnesi, dopo aver raccolto tutti i dati della storia clinica del bambino dal decorso della gravidanza alla sua nascita.

L’osteopatia pediatrica segue, dunque, il neonato di poche settimane di vita sino all’adolescenza.

Tra i più comuni traumi da parto e che si verificano nelle prime settimane di vita vi sono:

  • plagiocefalia
  • rigurgiti e reflusso gastroesofageo
  • stitichezza
  • coliche gassose
  • disturbi del sonno
  • otiti o sinusiti ricorrenti

Osteopatia in gravidanza

L’Osteopatia è una terapia dolce che consente un migliore adattamento dell’organismo materno ai cambiamenti dei tessuti del corpo e alle pressioni addominali associate alla gravidanza.

Compito dell’osteopata è aiutare ad alleviare le più svariate problematiche che si presentano durante la gravidanza, donando alla futura mamma un benessere ed un equilibrio che le permetteranno di vivere questo periodo in maniera più serena, anche accompagnandola ad un parto il più possibile naturale e privo di complicazioni.

Oltre a prevenire dolori e contratture nei nove mesi, le manipolazioni osteopatiche consentono di arrivare al parto in condizioni fisiche ottimali. Durante la seduta l’operatore lavora soprattutto sul bacino e zona pelvica, che al momento del parto subiscono forte stress per permettere il passaggio del feto. Per far sì che questo succeda, occorre che tutte le articolazioni del bacino siano mobili, libere e non bloccate da restrizioni di movimento, e a questo scopo le manipolazioni dell’osteopata creano una condizione ottimale che, da un lato riduce le tensioni dolorose provate dalla donna, dall’altro facilita le “fatiche” del bebè, che subirà meno traumi durante la nascita.

L’Osteopatia non costituisce nessun pericolo né per la mamma né per il feto, ma è un valido aiuto per le sofferenze che si possono incontrare: il trattamento osteopatico non deve essere interpretato come un eccesso di medicalizzazione, ma come prevenzione soprattutto se si interviene fin dai primi mesi.

Dr.ssa Simona Limonta

OSTEOPATA
Martedì:
dalle 9,00 alle 12,00
Mercoledì:
dalle 9,00 alle 13,00
profilo

Brando Cavagnoli

OSTEOPATA
Venerdì:
dalle 9,00 alle 13,00
profilo